ITALIA E GRECIA “BACCHETTATE” DALL’UNIONE EUROPEA

Scritto da il 3 Luglio 2020

La Commissione Europea ha avviato una procedura di infrazione contro l’Italia e la Grecia per non aver fatto abbastanza per garantire che ai cittadini venissero assicurati i rimborsi per i voli e in generale i viaggi cancellati.

I due Paesi hanno ricevuto due lettere di costituzione in mora per violazione delle norme dell’Unione Europea a tutela dei diritti dei passeggeri.

A causa della pandemia, molte aziende del settore trasporti hanno dovuto far fronte a flussi di cassa e situazioni di reddito insostenibili. Durante questa crisi, la Commissione ha però costantemente chiarito che i diritti dei passeggeri rimangono validi nell’attuale contesto senza precedenti e che le misure nazionali a sostegno del settore non devono ridurli.

L’Unione Europea ha lamentato il fatto che la Grecia e l’Italia abbiano consentito di offrire buoni come unica forma di rimborso, legandoli così alla compagnia, e non anche rimborsi in denaro che possono essere spesi dai cittadini come meglio credono.

Grecia e Italia ora hanno due mesi per rispondere alle argomentazioni sollevate altrimenti si passerà al prossimo stadio della procedura che, in ultima istanza, può comportare anche una multa.


Traccia corrente

Titolo

Artista

Background